Bassano del Grappa

Il nome dovrebbe derivare da "Fundus Bassianus", latifondo della famiglia romana Bassius o Bassianus.
La città si delinea verso la fine dell'alto medioevo, quando la popolazione cercò difesa dai Longobardi (589), dai Franchi (776) e dagli Ungari (899) attorno alla città e al castello. Di quel periodo rimangono poche tracce, la più importante delle quali è la chiesetta di San Giorgio alle Acque, luogo di culto lungo la strada per Valrovina. Sotto gli Ezzelini l'agglomerato divenne una città fortificata con un imprendibile castello e crebbe sempre più di importanza militare. Nel 1268 Bassano passò ai Visconti.
Dal 1404, fino alla caduta della Serenissima, la città diviene un importante e tranquillo centro agricolo e commerciale, Bassano è crocevia dei traffici tra Repubblica Veneta e Contee Vescovili e Germaniche. Nel 1483 imperversa la peste che sconvolge il tessuto sociale. L'unico importante fatto d'armi è il passaggio degli imperiali della Lega di Cambrai, capitanati da Massimiliano d'Austria, che nel 1508 mettono a ferro e fuoco la città lasciata al proprio destino, perché indifendibile contro le nuove tecnologie belliche, dall'esercito veneziano.
Il seicento ed il settecento furono secoli di grandissima. Nel 1630 l'intera Europa è sconvolta dalla grande pestilenza e anche a Bassano il tessuto sociale venne gravemente devastato. Durante la prima guerra mondiale fu il principale centro logistico dopo la disfatta di Caporetto e l'arroccamento sul Grappa, montagna indissolubilmente legata al profilo geografico e storico della città.

prodotti tipici

Asparago bianco di Bassano DOP
Ceramica di Bassano, lavorata a mano
Broccolo di Bassano
"Bigołi" di Bassano
Grappa: la distilleria più antica di Bassano è la Bortolo Nardini, al ponte dal 1779. Di fronte al Ponte Vecchio è situato il Museo della Grappa Poli, fondato dalla Poli Distillerie, all'interno del quale è possibile scorrere la storia della grappa attraverso antichi alambicchi e rari manoscritti.
Tagliatella Nardini
Mezzoemezzo Nardini ( L'aperitivo tipico di Bassano, bevuto sul Ponte degli Alpini, nella grapperia Nardini) Amaro San Giuseppe

da vedere

Il più celebre dei monumenti bassanesi è il Ponte Vecchio, disegnato dal Palladio e più volte ricostruito, l'ultima volta dopo la seconda guerra mondiale a cura dell'Associazione Nazionale Alpini e da allora prese l'attributo di Ponte degli Alpini. A fargli da contorno celebri osterie e grapperie e un piccolo museo degli alpini. Certamente uno dei luoghi più romantici e affascinanti d'Italia : sul Ponte di Bassano ci darem la mano ed un bacin d'amor...
Altri luoghi da visitare sono:
→ Villa Angarano Bianchi Michiel
→ Villa Rezzonico Borella XVII-XVIII secolo, con cappella, parco e giardino.
→ Villa Ca' Erizzo Luca, di origine quattrocentesca,
→ Villa Giusti del Giardino
→ Palazzo Pretorio
→ Palazzo Sturm
→ Palazzo
→ Bonaguro
→ Duomo
→ Chiesa di San Francesco
→ TempioOssario
→ Chiesa di San Giovanni Battista
→ Chiesa di San Donato
→ Monastero della Santa Croce
→ Chiesa di San Giorgio
→ Castello degli Ezzelini (o castello superiore)
→ Porta delle Grazie
→ PortaDieda
→ Torrecivica

eventi

→ Giardini a Bassano
→ Bassano sotto le stelle

vitto & alloggio

Hotel Al Castello - 0424228665

vitto

farmacia

trasporti

S.V.T. Srl